Wellcome

Il Viaggiatore senza Meta   -   passion, research & photography 

for english scroll down the page, please.

Benvenuti

Punta sulle nuvole, sugli alberi e su altre cose mute, non tue, non vicine, non addestrate a compiacerti. Punta sulla luce, cercala sempre, infine punta sulla tua follia, se ce l'hai, se non te l'hanno rubata da piccolo.

- Franco Arminio -


Nessuna bussola

Non è necessario sapere dove stai andando. Non è necessario sapere perchè stai andando.

Tutto ciò che hai bisogno di sapere è che stai camminando con gioia, poichè, se ti stai muovendo con gioia, non puoi sbagliare strada.

Se cammini danzando, cantando, celebrando, la direzione non è importante, nè la via, nè la meta.

Ogni attimo diventa il paradiso.

- Osho -

... e la fotografia è una danza, un canto, una celebrazione nei confronti del mondo, della vita e dei suoi misteri.

Grazie per il tempo che mi state dedicando, queste pagine vogliono essere un punto di raccolta per tutto il materiale, prevalentemente fotografico, che nel corso del tempo ho creato e poi sparso nel web. Senza nessuna pretesa, questo sito è solo lo specchio di me, e serve principalmente a me stesso, per guardarmi e conoscermi.

Tutto questo nasce solo ed esclusivamente come frutto della mia passione per la fotografia e dei miei vari interessi, passione che è diventata una specie di catarsi, un racconto di vita, un testamento spirituale per immagini, ma anche strumento di conoscenza del mio mondo interiore, strumento per accrescere il mio bagaglio di esperienze sotto forma di visioni: unica vera ricchezza immateriale destinata a restare sempre con noi.

La mia fotografia è evasione da un reale percepito come limite e illusione, fotografia quindi come rifugio, cerchio magico, fuga dal quotidiano, visioni sognanti e simboliche, senza velleità artistiche o perfezionismi tecnici.

Questo sito racconta quindi per immagini le mie passioni ed i miei interessi, quindi troverete natura, montagne, trekking, castelli, geologia, ritratti, nudi artistici, treni, luoghi abbandonati e quant'altro. Molte immagini sono incentrate sul territorio parmense, dove vivo, in particolare la Val Taro, territorio a cui sono affettivamente molto legato perché è qui che le mie passioni sono nate, ma troverete anche immagini di viaggi e città vicine e lontane, insomma un variopinto calderone dove il filo conduttore è una mia ricerca estetica, creativa e passionale, non fotografo pertanto cercando il vero, ma cercando un bello ideale fatto anche di sogni e fantasie.

Tengo a precisare che non sono un professionista, ne ho alcuna velleità di diventarlo, non mi ha mai interessato questa cosa, andrebbe a discapito della mia libertà e indipendenza. Non ho nemmeno grande simpatia per concorsi, mostre, circoli o cose affini, ovvero mi interessano ma solo come spettatore. Sono una persona piuttosto solitaria e schiva, decisamente selvatica direi, e fotografo solo per me stesso, la sento come una necessità vitale, è un mio personale strumento di introspezione e di crescita personale, una motivazione ed una guida. Questo stesso sito è una specie di diario personale, serve principalmente a me stesso per tracciare una sorta di mappa esperienziale e spirituale. Una memoria visiva di ciò che è ed è stato importante per me.


"Ovunque tu vada, ci sei già" 

Wellcome

Focus on clouds, trees and other mute things, not yours, not close, not trained to please you. Focus on the light, always look for it, finally focus on your madness, if you have it, if it wasn't stolen from you as a child.

- Franco Arminio, italian poetry -


No compass

It is not necessary to know where you are going. It is not necessary to know why you are going.

All you need to know is that you are walking with joy, because if you are moving with joy, you cannot go wrong.

If you walk dancing, singing, celebrating, the direction is not important, neither the way nor the goal.

Every moment becomes the paradise.

- Osho -

... and photography is a dance, a song, a celebration toward of the world, the life and its mysteries.

Thanks for the time you are dedicating to me, these pages want to be a collection point for all the material, mainly photographic, which over the course of time I created and then spread on the web. Without any pretense, this site is just a mirror of me, and is mainly for myself use, to look at me and get to know me.

All this was born only and exclusively as a result of my passion for photography and my various interests, a passion that has become a kind of catharsis, a life story, a spiritual testament through images, but also an instrument of knowledge of my inner world, tool to increase my wealth of experiences in the form of visions: the only true intangible wealth destined to always remain with us.

My photography is an escape from a reality perceived as a limit and an illusion, photography therefore as a refuge, a magic circle, an escape from everyday life, dreamy and symbolic visions, without artistic ambitions or technical perfectionisms.

This site therefore tells my passions and my interests through images, so you will find nature, mountains, trekking, castles, geology, portraits, artistic nudes, trains, abandoned places and more. Many images are centered on the Parma area, where I live, in particular the Val Taro, a territory to which I am emotionally very attached because it is here that my passions were born, but you will also find images of travel and cities near and far, in short, a colorful cauldron where the guiding thread is my aesthetic, creative and passionate research, therefore I am not a photographer looking for the truth, but looking for a beauty also made up of dreams and fantasies.

I would like to clarify that I am not a professional, I have no desire to become one, this thing has never interested me, it would be to the detriment of my freedom and independence. I don't even have great sympathy for competitions, exhibitions, clubs or similar things, that is, they interest me but only as a spectator. I am a rather lonely and shy person, definitely wild I would say, and I photograph only for myself, I feel it as a vital necessity, it is my personal tool of introspection and personal growth, a motivation and a guide. This site itself is a kind of personal diary, it mainly serves myself to draw a kind of experiential and spiritual map. A visual memory of what is and has been important to me.


"Wherever you go, you are already there"

Un po' di storia


La mia avventura nel web inizia nel lontano 2000, in una mattina insonne dopo una nottata di lavoro.

Navigando trovai per caso un annuncio della Microsoft che diceva più o meno "crea ora il tuo sito web", e così un po' per gioco e un po' per curiosità, iniziai la colonizzazione del web, dapprima con un piccolo sito amatoriale molto elementare, poi un domino web, (FiumeTaro.com) amorevolmente costruito pixel su pixel, e poi abbandonato per motivi "burocratici".

Come nella vita, anche nel web sono più volte morto e risorto, ho cambiato più volte pelle, come un serpente: quando una realtà non ti va più bene, devi avere il coraggio e la forza di buttare tutto all'aria, e ricominciare da capo.

Questo sito, Il Viaggiatore senza Meta, nasce nella notte del 29 Maggio 2020, dopo una profonda botta emotiva, che mi ha fatto abbandonare molte cose della mia "vecchia identità" , viaggiatore senza meta perché effettivamente non so più dove sto andando, ma comunque vado, e poi in fondo forse non ha così tanta importanza il sapere dove si sta andando.


Maggio 2020, rinascita

Addì giorno quasi trentesimo del mese di Maggio, nell'anno del Signore 2020 (non so però di quale Signore), proviamo a reimpostare la vita, anche sul web, dopo un reset piuttosto radicale (niente a che fare con virus o altri microrganismi). Non so se sia più una rinascita, un ritorno alle origini, o meglio un'epurazione dalle scorie, sta di fatto che dopo notti insonni a batter la testa contro il muro, sono riuscito a partorire questo slogan (il viaggiatore senza meta) che descrive molto bene il mio stato esistenziale.

Se mi chiedessero che cos'è la fotografia per me, in questo momento risponderei "salvezza", e questo piccolo sito che sto costruendo, o meglio ricostruendo, diventa un piccolo punto di riferimento, soprattutto per me stesso: un modo per chiarirsi le idee e progettare un futuro possibile, un piccolo centro di gravità attorno a cui ruota tutto il mio mondo, o meglio quella parte di monto che mi da soddisfazione e passione.

Costruire da zero un sito, un proprio spazio, è cosa lunga e impegnativa, quindi agli inizi sembrerà un contenitore un po' vuoto, una piccola creatura un po' spoglia, ma con il tempo crescerà e si arricchirà, e anche se non frega niente a nessuno, per me è importante perché rappresenta una sorta di bussola nel mare tempestoso della vita, una sorta di mappa di navigazione in continuo divenire, mi serve per fare il punto della situazione, racimolare il buono del passato, e progettare verso quale nuovo baratro buttarmi a capofitto.

A bit of history


My web adventure began way back in 2000, on a sleepless morning after a night of work.

Browsing by chance I found an announcement from Microsoft that said more or less "create your website now", and so a little for fun and a little out of curiosity, I started colonizing the web, first with a small, very basic amateur site , then a web domino, (FiumeTaro.com) lovingly built pixel by pixel, and then abandoned for "bureaucratic" reasons.

As in life, even on the web I have died and risen several times, I have changed skin several times, like a snake: when a reality no longer suits you, you must have the courage and strength to throw everything up, and start again from boss.

This site, The Aimlessly Traveller, was born on the night of 29 May 2020, after a profound emotional blow, which made me abandon many things of my "old identity", a traveler without a destination because I actually don't know where I'm going anymore, but anyway I go, and then, after all, maybe knowing where you're going doesn't really matter.


May 2020, rebirth

On the almost thirtieth day of May, in the year of the Lord 2020 (I don't know of which Lord), we try to restart life, even on the web, after a rather radical reset (nothing to do with viruses or other microorganisms) . I do not know if it is more a rebirth, a return to origins, or rather a purge from slags, the fact is that after sleepless nights beating my head against the wall, I was able to give birth to this slogan (the aimless traveler) that describes my existential state very well.

If they asked me what photography is for me, at this moment I would answer "salvation", and this small site that I am building, or rather rebuilding, becomes a small reference point, especially for myself: a way to clarify ideas and designing a possible future, a small center of gravity around which my whole world revolves, or rather that part of the world that gives me satisfaction and passion.

Building a website from scratch, a private space for our own, is long and demanding, so in the beginning it will be a little bare creature, but over time it will grow and grow richer, and even if nobody cares, it is important for me because it represents a sort of compass in the stormy sea of ​​life, a sort of ever-changing navigation map, I need it to take stock of the situation, gather the good of the past, and plan in which new abyss I will throw myself headlong into.


Il Viaggiatore senza Meta:   AllMyLinks   Zonerama   500px   Skypixel   Kuula 360°   Tumblr   DeviantArt   Fotocommunity